facebook-libro_1

Ansia? Che Ridere! è la mia storia.

Morsa allo stomaco, brividi, confusione, cuore che batte forte, vista sfocata, voci nella testa che non ti fanno sentire cosa ti stanno dicendo, nodo alla gola e paura, tanta paura, in una sola parola ansia. Se ne hai sofferto sai che non è assolutamente un bel momento e molto spesso le persone che ci stanno vicine se ne escono con frasi del tipo: “Rilassati, non c’è niente per cui tu ti debba agitare”. Sì, dillo alla mia testa!
L’idea di poter avere delle strategie veloci e semplici da poter usare nei momenti in cui ci si sente confusi e incapaci di gestire lo Stato d’Animo penso sia utile per tutti.

La mia storia

Per me tutto è iniziato circa 10 anni fa. Allora conoscevo l’Ansia solo come disturbo studiato nel mio percorso di studi in Psicologa. Avevo solo 24 anni quando mi sono resa conto che quel giorno avevo avuto un attacco di ansia che mi aveva portato in ospedale. Tutti i medici continuavano a dirmi che avrei dovuto farci l’abitudine. Eppure, continuavo a credere che esistessero altre soluzioni al posto delle Benzodiazepine e qualche seduta da uno psichiatra. Sono andata avanti così per anni, finché ecco la svolta, e la mia vita è cambiata completamente.
Ammetto di essere stata molto fortunata perché nel mio momento di profonda difficoltà ho avuto la fortuna di ricevere aiuto da uno psichiatra molto aperto a strategie nuove, più concrete ma soprattutto veloci.
È così che mi sono approcciata per la prima volta ai benefici della Programmazione Neuro Linguistica nel gestire Stati d’Animo non utili.
Questo corso nasce dalla mia esperienza diretta. L’idea di creare un momento di condivisione di qualche strategia per aiutare il pensiero a gestire al meglio il nostro Stato d’Animo è la base di tutto.

Obiettivi del corso

  • Imparerai a conoscere e riconoscere l’Ansia;
  • Gestire quei momenti in cui senti di stare per perdere il controllo;
  • Trasformare sensazioni non piacevoli in sensazioni piacevoli o neutre;
  • Gestire tutti quei pensieri non utili che favoriscono la nascita di quei comportamenti disfunzionali;
  • Il metodo delle TreA, metodo che ho creato per gestire l’Ansia, preoccupazioni ed emozioni attraverso l’utilizzo di strumenti provenienti dal Coaching: Accettazione, Ascolto, Azione;
  • Utilizzo del metodo delle TreA nel vita quotidiana;
  • C.A.T.C.H.® tecnica di riequilibro emozionale, ideata da Richard Romagnoli, che ti permetterà di ristabilire e mantenere il controllo sulle tue azioni, pensieri, carattere ed emozioni.

A chi è rivolto il corso

Il corso è rivolto a tutti coloro che vogliono imparare a gestire quegli Stati d’Animo disfunzionali in maniera autonoma e velocemente.

A chi non è rivolto il corso

Il corso non è adatto a persone che preferiscono un approccio meno pratico alla gestione delle Emozioni.

Ci sono controindicazioni?

Assolutamente no! Il Metodo delle TreA non ha alcuna controindicazione.
Nella metodologia utilizzata non è contemplato nessuno approccio o strategia di natura psicologica e/o clinica.

Per chi segue già un percorso di psicoterapia?

L’approccio lavora esclusivamente trovando delle strategie più utili e strategiche per la gestione di quegli Stati d’Animo che al momento non sappiamo gestire. Non è un metodo introspettivo. Per chi sta già seguendo un percorso psicoterapeutico non comporta alcuna problematica.

Funziona con tutti?

La risposta è sì, quando sei motivato a gestire realmente.
 Ci sono persone che ormai sono talmente abituate a stare male che ogni cosa che può portarle a stare meglio viene sabotata a livello inconscio.
 Sono quelle classiche persone che dicono: “Con me non funziona nulla, sono destinata a prendere medicinali per tutta la vita”.
Con questo non voglio sminuire il problema ma dico solo che a volte diamo al problema un’importanza eccessiva, e non ci sforziamo nemmeno di trovare strategie che potrebbero essere più utili e che potrebbero farci vivere ancora meglio.

Perché farlo con me?

Solo chi ha vissuto realmente quegli Stati Emotivi, incluso l’Ansia può capire cosa si prova veramente. Ritengo che fare un corso o un percorso con chi ha vissuto quei momenti possa far sentire più capito, accolto e accettato. Solo sentendosi capiti, ascoltati e accettati possiamo essere in grado di chiedere aiuto e smettere magari di vergognarsi perché proviamo Ansia o altri Stati d’Animo non utili.

Per saperne di più compila il form